Home Arrivi e Partenze
Arrivi e Partenze in Brasile PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Venerdì 12 Febbraio 2016 23:29

18 Febbraio SAO PAOLO (Brasile); 8 Marzo CANOAS (Brasile); 
9 Marzo NOVO HAMBURGO (Brasile); 
10 Marzo BENTO GONCALVES (Brasile); 11 Marzo CAIXAS DO SUL (Brasile)


Arrivi e partenze” approda in Brasile. Lo spettacolo – che vede in scena l’organettista, compositore e cantante Claudio Prima e la danzatrice/attrice Stefania Mariano, coreografa della Fabbrica dei Gesti, diretti dal regista brasiliano Marcelo Bulgarelli – sarà in Sud America per una breve tournée, realizzata con il sostegno di Puglia Sounds Export 2016, sui palchi di due importanti festival. Dopo l’esordio di giovedì 18 febbraio a Campinas per il Feverestival di San Paolo, il viaggio dei due artisti salentini proseguirà dall’8 all’11 marzo con quattro repliche a CanoasNovo Hamburgo,Bento Gonçalves Caixas do Sul nell’ambito del SESC Musica nella regione del Rio Grande do Sul.

 

Arrivi è partenze è un percorso fra le musiche tradizionali del mediterraneo, rivissute con lo spirito di un musicista moderno. L’organetto e la voce rievocano suoni ancestrali, figli di un tempo lontano, che hanno avuto la forza di propagarsi fino ad oggi. Ognuno di questi suoni ha un fascino antico frutto del suo valore autentico. Claudio Prima, leader di BandAdriatica e direttore della Giovane Orchestra del Salento, è un eclettico musicista che negli ultimi anni ha collaborato con artisti provenienti da tutto il mediterraneo (Goran Bregovic, Giovanni Sollima, Burhan Ocal, Boban e Marco Markovic, Kocani Orkestar, Eva Quartet, Rony Barrak, Savina Yannatou e tanti altri); Stefania Mariano è una danzatrice, attrice e coreografa interessata a sviluppare un percorso di ricerca multidisciplinare all'insegna della contaminazione tra diversi linguaggi artistici, espressivi. Da tempo si dedica alle commistioni fra danza tradizionale fino ad arrivare alle sue evoluzioni contemporanee; Marcelo Bulgarelli è attore e regista esperto di biomeccanica teatrale, già vincitore in Brasile di alcuni fra i più importanti riconoscimenti del settore (Premio Funarte 2007, Premio Açorianos 2010). I tre iniziano la loro collaborazione tre anni fa, per la realizzazione dello spettacolo teatrale Oltremundo, scoprendo una comune propensione per la ricerca del rapporto fra musica, danza e teatro e per l’indagine sulla  gestualità e sul suono tradizionale come basi del processo creativo.

Arrivi e partenze è il frutto di una lunga ricerca all’interno delle musiche tradizionali in arrivo e in partenza dal Salento. Il Salento è ponte fra il Mediterraneo e l’Europa e ha accolto le dominazioni più diverse: dai Turchi ai Francesi, dai Greci agli Spagnoli, dai Messapi ai Normanni. Tutti hanno lasciato una eredità che rende ricco il patrimonio tradizionale di questa terra. E così come la musica è giunta in Salento, allo stesso modo la musica è stata portata in giro per il mondo dagli emigrati italiani, che hanno trasferito nel Nord Europa e nel Sud America, in particolare, le proprie tradizioni. Poco ingombrante e pertanto facile da portare appresso, l’organetto ha trovato posto nei bauli dei milioni di emigranti del Vecchio Continente che fra la fine dell’Ottocento e i primi decenni del Novecento solcarono l’Oceano per approdare nelle Americhe. Così si spiega la sua enorme diffusione, ad esempio, in Canada, in Argentina e nel Sud del Brasile. Nella musica sudamericana infatti si ritrovano numerose influenze e origini italiane, soprattutto nei repertori eseguiti conl’organetto, che in brasile ha preso il nome di gaita-ponto e in argentina si è evoluto nel bandoneon. Lo spettacolo è composto di musiche inedite e di musiche tradizionali eseguite dal vivo da organetto, percussioni e voci. In scena un musicista e una danzatrice, che incrociano i propri percorsi, in un viaggio ipotetico che li conduce dal Salento al Sud America e poi indietro fino a casa, per mescolare le proprie radici e trasformarle, ad ogni arrivo e ad ogni partenza, come fa da sempre ogni suono migrante.

Il tour all’estero è stato inserito nella “Programmazione Puglia Sounds Export 2016” ed è realizzato con il contributo di Puglia Sounds, Unione Europea, FSC, Regione Puglia – Assessorato Sviluppo Economico industria Turistica e Culturale, Teatro Pubblico Pugliese – Regione Puglia – FSC 2007/2013 – Investiamo nel vostro futuro.

Ultimo aggiornamento Venerdì 25 Marzo 2016 12:41
 
 

Newsletter

: