Home ATLANTE di Simona Bertozzi
ATLANTE di Simona Bertozzi PDF Stampa E-mail
Scritto da Administrator   
Martedì 21 Giugno 2016 10:48

Vi presentiamo gli artisti, coreografi, performer, danzatori, che dal 17 al 24 luglio 2016, presso il Teatro Paisiello di Lecce, entreranno a fare parte del team de La Fabbrica dei Gesti, attraverso un Percorso di Studio e Formazione Interdisciplinare.



ATLANTE di Simona Bertozzi
Dal 17 Luglio al 19 Luglio 2016

TEATRO PAISIELLO - LECCE


Esercitare il corpo ad una pratica che, nella complessità dell’impiego anatomico, s
appia distillare la curvatura organica del gesto e del tracciato dinamico.

Segnare lo spazio come una mappa da riscoprire, ogni volta, a ogni passaggio.

Pensare alla luce che si dà, obliquamente, penetrando in ogni anfratto e piega.
Tremolio e iridescenza.
Con uno spiccato intento “avventuroso” ed esplorativo, si procederà, attraverso queste suggestioni, per dare vita ad una serie di composizioni coreografiche, quadri e figurazioni corporee, in cui l’azione collettiva e le singolarità divengono paesaggio mutevole di presenze e diversità biologiche.

Simona Bertozzi, coreografa, danzatrice e performer, vive a Bologna dove si laurea in Dams. Dal 2005 è impegnata in un percorso autoriale di ricerca coreografica e nel 2008 costituisce la Compagnia Simona Bertozzi / Nexus. Nei suoi lavori coniuga la trasfigurazione del codice tecnico con riferimenti concettuali e iconografici tratti dalle arti visive, e dall’ambito filosofico e antropologico. Presenta le sue produzioni in Italia e all’estero, tra cui: Romaeuropa, Biennale Danza Venezia, Aerowaves Londra, Dance Week Festival Zagabria, Tanec Praha Praga, Correios em Movimento Rio de Janeiro, Mas
danza Spagna, Intradance Mosca, Fringe Festival Edimburgo.





ORARI


Domenica 17 luglio 2016
Mattina 10,00/13,30 / Pomeriggio 16,30/19,30

Lunedì  18 luglio 2016
Mattina 10,00/13,30 / Pomeriggio 16,30/19,30

Martedì 19 luglio 2016

Mattina 9,30/11,00

 

 

Simona Bertozzi

Coreografa, danzatrice e performer, vive a Bologna, dove si laurea in Dams. Dopo studi di ginnastica artistica e danza classica, approfondisce la sua formazione in danza contemporanea tra Italia, Francia, Spagna, Belgio e Inghilterra e lavora, tra gli altri, con Tòmas Aragay (cia Societat Doctor Alonso-Spagna) e dal 2005 al 2010 con Virgilio Sieni, prendendo parte a tutte le produzioni della compagnia, tra cui Sonate Bach, di fronte al dolore degli altri e Tristi Tropici.

In qualità di performer fre lance collabora con Laminarie Teatro, Fortebraccio Teatro, Cristina Rizzo.

Dal 2005 conduce un percorso autoriale di ricerca e scrittura coreografica, creando lavori, in forma solistica e con diversi gruppi di danzatori e performer, che hanno circuitazione nazionale e in
ternazionale.

Nel 2007, in qualità di coreografa, vince il concorso coreografico GD’A (Giovani Danzautori dell’Emilia Romagna) ed è la coreografa italiana selezionata per il festival Aerowaves, The Place Theatre. Londra. 

Nel 2008 con la creazione dal titolo Terrestre, prende parte al progetto internazionale Choreoroam, sostenuto da British Council/The Place, Dansateliers/Rotterdam e Bassano Opera Festival.

Sempre con Terrestre, vince il bando Residenza Fondo Fare Anticorpi, in collaborazione con react!, Residenze Artistiche Transdisciplinari. 
Nel 2008 fonda la Compagnia Simona Bertozzi/Nexus. 

Con il collettivo Gemelli Kessler (Simona Bertozzi, Marcello Briguglio, Celeste Taliani) vince il premio per la migliore opera indipendente al concorso Il Coreografo Elettronico 2009 con il lavoro di video danza
dal titolo Terrestre-movement in still life.

Dal 2009 al 2012 realizza il progetto Homo Ludens, quattro episodi danzati sull’ontologia del gioco, in cui si avvale della presenza di numerose collaborazioni artistiche tra cui: il musicista Egle Sommacal, il Collettivo Gemelli Kessler, la Lila Dance Company, The Point Theatre di Estleigh, Accademia Bizantina di Ravenna.
Di Homo Ludens fanno parte: Ilinx (playing vertigo), Alea (iacta est), Agon, Mimicy e il solo Bird’s eye view.

Nel 2012, sempre nell’ambito del collettivo Gemelli Kessler, si occupa della creazione di I was wondering, opera di video danza che esordisce a Ferrara nella giornata di apertura della mostra su Michelangel Antonioni, in occasione del centenario della nascita.

Nel 2013 crea Elogio de La Folia opera coreografica su musiche di Arcangelo Corelli, co-prodotta da Ravenna Festival con esecuzione musicale dal vivo del Delfico Ensemble. Nell’ambito del festival Biennale Danza Venezia 2014 presenta Guardare ad altezza d’erba, creazione per un sestetto di danzatori tra i 10 e i 12 anni, co-prodotta da Biennale di Venezia e Teatro Stabile dell’Umbria.
Sempre del 2014 è il debutto di Oratori_ae con musica e live elctronics di Francesco Giomi. 
Nell’ambito di BMotion, Operaestate Festival Veneto 2014 presenta A ritroso sortirà, duetto con la danzatrice tredicenne Alessia Ceccarelli realizzato in collaborazione con Associazione Katrième Cesena e in residenza presso Palazzo Sturm Bassano del Grappa.
Al Festival MilanOltre 2014 debutta con la creazione del format finale di Orphans già presente in forma di studio nell’Ambito di Romaeuropa 2013.

Chiude l’attività produttiva del 2014 con il debutto in prima assoluta di Animali senza Favola, all’Arena del Sole di Bologna, con il sostegno di Ert – Emilia Romagna Teatro Fondazione e con il contributo del Fondo per la Danza d’Autore dell’Emilia Romagna.

Per il Triennio 2015/17 l’attività di produzione si concentra nel Progetto Prometeo, progetto che si struttura attraverso la creazione di episodi, dei quadri di coreografia di durata variabile, ognuno con il proprio assunto tematico e segno coreografico, nonché il rispettivo nucleo di interpreti. 
Sono tre gli episodi creati nel 2015: Prometeo: Contemplazione, Pr
ometeo: Il Dono, Prometeo: Poesia. Il primo e il terzo episodio sono realizzati in co-produzione con la Fondazione Nazionale della Danza/Aterballetto e in debutto nell’ambito di Fonderia39 E’ Italia Danza. Prometeo Il Dono ha esordito nell’ambito di UMANO con il sostegno di Cango-Centro di Produzione sui Linguaggi del Corpo e della Danza..

Per il 2016 è prevista la creazione di tre nuovi episodi: 
-Prometeo: Astronomia quarto episodio realizzato con il contributo di PERMUTAZIONI, progetto di residenze coreografiche a cura di ZEROGRAMMI e Fondazione Piemonte dal Vivo
-Prometeo: Architettura quinto episodio e un quadro conclusivo dal titolo And it burns, burns, burns realizzato con il contributo di Fondo Regionale per la Danza d’Autore Regione Emilia-Romagna e con il sostegno di Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto Centro di Produzione.

Parallelamente al Progetto Prometeo è in programma la creazion
e di Anatomia, progetto condiviso con Francesco Giomi (Tempo Reale Firenze) e Enrico Pitozzi che vede in scena Simona Bertozzi e Francesco Giomi in un dialogo tra corpo e suono. Il debutto di Anatomia è inserito a Ravenna nell’ambito di Today ToDance, Stagione del Contemporaneo di Ravenna Teatro

CIRCUITAZIONE
Presenta i suoi lavori in prestigiosi festival e stagioni di danza e teatro, in Italia e all’estero, tra cui: Romaeuropa (Roma), Santarcangelo dei Teatri (RN), B-Motion (Operafestival Bassano), Interplay (Torino), Aperto Festival (Reggio Emilia), Crisalide (Forlì), Teatro Kismet (Bari), Cantieri Koreja (Lecce), Teatro Diego Fabbri (Forlì), Invito di Sosta (Arezzo),Biennale Danza Venezia, Mittelfest 
CSS teatro Stabile dell’Umbria, (UD), Aerowaves (Londra), The Turning world (Londra), Dance Week Festival (Zagabria), The Point Theatre (Eastleigh), Dance a Lille, Tanec Praha Festival (Praga), Festival de là Citè Lausanne (Svizzera) Correios em Movimento, Danca em Transito di Rio de Janeiro, Masdanza e Masdanza Extension Isole Canarie (Spagna) Intradance (Mosca), Festival Fringe Edimburgo, One small step Corfù…

FORMAZIONE
Dal 2004 al 2008 ha condotto dei laboratori di formazione e ricerca in danza contemporanea rivolti agli studenti del Dipartimento di Musica e Spettacolo (DAMS) Università degli Studi di Bologna, in collaborazione co
n la prof Eugenia Casini Ropa e nel 2012 con la prof Elena Cervellati. Nel 2013 ha vinto il bando per le docenze esterne (tecnica floor work) nell’ambito del progetto triennale di Discipline Coreutiche Tecnico-compositive indetto dall’Accademia Nazionale di Danza di Roma.

Del 2013 sono i progetti Pneuma e Magnetica, progetti inediti nati dall’incontro e dallo scambio tra l’esperienza scenico-compositiva della coreografa Simona Bertozzi e dalle prospettive teorico-didattiche tracciate dallo studioso Enrico Pitozzi. Presentati nell’ambito di festival: Romaeuropa, EsTerni, Scuola Universitaria Teatro Dimitri CH, Teatro Dimora Mondaino.  

Per il Triennio 2015/17 è impegnata nella progettazione e realizzazione di VOLCANO-Coreografia e complessità, un progetto di formazione e trasmissione delle pratiche coreografiche contemporanee ideato e diretto con lo studioso Enrico Pitozzi, in collaborazione con L’arboreto Teatro Dimora di Mondaino con il sostegno della Rete AnticopriXL.

Ultimo aggiornamento Martedì 21 Giugno 2016 16:30
 
 

Newsletter

: